Studio

 

L’allestimento di questa stanza, ideato anch’esso da Michelangelo il Giovane, risale agli anni 1633-1637. Nel soffitto, Cecco Bravo dipinse la personificazione della Fama. Sulle pareti, lo stesso Cecco Bravo, Matteo Rosselli e Domenico Pugliani rappresentarono le effigi dei toscani illustri, riuniti per tipologie: di fronte alla porta d’ingresso, i poeti e gli scrittori; a sinistra gli astronomi, i matematici, i naviganti, i fisici, i medici, i semplicisti; a destra, gli oratori, i legisti, gli storici, gli umanisti; al di sopra della porta d’ingresso, i filosofi e i teologi.
Sotto gli affreschi corre una serie di armadi, con intarsi in avorio e in madreperla, raffiguranti festoni di frutta, fiori e foglie.
All’interno delle vetrine vengono evocati diversi registri del collezionismo della famiglia: dagli interessi naturalistici a quelli artistici.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per negare il consenso o anche solo per saperne di più fai clic qui: maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi