Michelangelo nell’Ottocento

 

Su Michelangelo e l’Ottocento la Casa Buonarroti conserva una vasta documentazione, testimonianze significative e pregevoli oggetti d’arte, in parte riuniti in queste due sale, e riferibili sia al mito che il secolo scorso costruì variamente intorno all’artista, sia alle celebrazioni fiorentine del settembre 1875, per il quarto centenario della sua nascita. I busti in gesso qui presenti giunsero nel palazzo proprio per quella occasione, con lo scopo dichiarato di abbellirne l’atrio. La Casa Buonarroti, costituita in Ente morale nell’aprile del 1859, partecipò con fervore alle celebrazioni: si inserì sul portone d’ingresso il busto bronzeo di Michelangelo, opera di Clemente Papi, si pose lo stemma di famiglia sull’angolo del palazzo, si esposero tutti i disegni michelangioleschi della Collezione della Casa; si collocò infine nel Cortile la grande aquila in pietra, ritenuta allora d’età romana, che ora campeggia al centro della saletta contigua. Ma il progetto più ambizioso, la decorazione a graffito della facciata, non poté essere attuato, e ne vediamo qui l’accurato disegno preparatorio, donato alla Casa dagli stessi autori.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per negare il consenso o anche solo per saperne di più fai clic qui: maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi